Formazionedidactica.it | INLA
15172
page,page-id-15172,page-child,parent-pageid-15154,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.0.5,vc_responsive
 

INLA

Obiettivo generale del Progetto INLA2 REGIONE CAMPANIA è quello di attivare iniziative integrate mirate a prevenire e contrastare il fenomeno, di elevatissima incidenza, della disoccupazione di lunga durata e non, nel contesto territoriale delle Provincie di Avellino, Benevento, Caserta e Salerno.
Il Progetto INLA2 REGIONE CAMPANIA si propone di coinvolgere direttamente il sistema delle imprese con sede legale e/o operativa nelle Province di Avellino, Benevento, Caserta e Salerno, attivando un sistema integrato di convenienze per promuovere la domanda di lavoro e identificare opportunità di inserimento lavorativo a favore di particolari categorie di disoccupati/inoccupati campani.
Nello specifico, il Progetto INLA2 REGIONE CAMPANIA si pone i seguenti obiettivi operativi:

1) offrire ai giovani un’esperienza di formazione on the job in grado di far loro acquisire le competenze richieste, rispetto ai ruoli professionali ricoperti nel corso dei tirocini, nell’organizzazione ospitante e di favorire il successivo inserimento nel mondo del lavoro;
2) individuare imprese che dichiarino la propria disponibilità ad incrementare la propria base occupazionale inserendo nel proprio organico i soggetti in possesso dei requisiti di cui al presente Invito.

L’intervento è suddiviso in tre linee operative:

LINEA 1

Rivolta a sostenere l’inserimento nel mercato del lavoro di n. 500 giovani residenti in Regione Campania, di età compresa tra i 18 e i 24 anni (età compiuta all’atto dell’adesione al Progetto da parte delle imprese), con bassi livelli di scolarizzazione, per tale intendendosi la condizione di coloro che abbiano assolto esclusivamente l’obbligo scolastico, in cerca di occupazione e regolarmente iscritti al CPI, attraverso l’attivazione di:

a) work experience in azienda, intesi come percorsi formativi individuali regolamentati dal “Manuale dell’Autorità di Gestione ed Attuazione del POR F.S.E. Campania 2007/2013”, della durata massima di 6 mesi con impegno settimanale di almeno 20 ore, con erogazione ai partecipanti di un’indennità di frequenza pari a € 450/mese (al lordo di tutte le ritenute dovute e degli oneri assicurativi).
Le risorse regionali disponibili sono pari ad euro 1.350.000, a valere sul POR Campania 2007-2013;
b)
 incentivi all’assunzione, pari ad € 5.165,11, da erogare una tantum direttamente alle imprese, con procedura a sportello, a fronte di ciascuna assunzione a tempo indeterminato effettuata al termine della work experience. Le Risorse ministeriali disponibili sono pari ad euro € 2.582.555.

Per la partecipazione alla Linea 1 è richiesta la presentazione contestuale, in unico plico, della domanda di adesione al progetto da parte sia dell’impresa ospitante sia del candidato borsista.

LINEA 2

Rivolta a sostenere l’inserimento lavorativo di n. 1.087 giovani residenti in Regione Campania, di età compresa tra i 18 e i 32 anni (età compiuta all’atto dell’adesione al Progetto da parte delle imprese), con alti livelli di scolarizzazione, per tale intendendosi la condizione di coloro che siano in possesso di un titolo di studio uguale o superiore al diploma di scuola superiore, in cerca di occupazione e regolarmente iscritti al CPI. Tale Linea d’intervento prevede la possibilità per l’impresa di attivare:

c) tirocini formativi in azienda, come definiti dall’art.18 della legge 196/97 e dal D.M. 25 marzo 1998 n° 142, della durata massima di 6 mesi con impegno settimanale di almeno 20, con erogazione ai partecipanti di un’indennità di frequenza pari a € 450/mese (al lordo di tutte le ritenute dovute e degli oneri assicurativi), finalizzato alla stipula di un contratto di lavoro di almeno 12 mesi, al termine del tirocinio, secondo modalità stabilite nella procedura di attuazione del progetto.
Le Risorse ministeriali disponibili sono pari ad euro € 2.934.900.

LINEA 3

Rivolta a sostenere l’inserimento lavorativo di n. 800 soggetti svantaggiati, per tale intendendosi la condizione di soggetti di età maggiore ad anni 32 (età compiuta all’atto dell’adesione al Progetto da parte delle imprese), residenti in Regione Campania, disoccupati di lunga durata regolarmente iscritti al CPI, con bassa occupabilità, privi di reddito (ovvero, se percettore di un reddito, nell’ambito dei limiti previsti dalla no tax area). La Linea d’intervento prevede l’attivazione del seguente sistema di convenienze integrato:

a) incentivi all’assunzione, pari a € 5.165,11, da erogare una tantum direttamente alle imprese, con procedura a sportello, a fronte di ciascuna assunzione a tempo indeterminato effettuata. Le Risorse ministeriali disponibili sono pari ad euro € 4.132.088;
b)
 voucher formativi individuali del valore di € 1.000 per percorsi di adattamento delle competenze dei lavoratori neo-assunti, da realizzarsi entro 6 mesi dalla data di assunzione. Le risorse regionali disponibili sono pari ad euro 1.000.000, a valere sul POR Campania 2007-2013.

 

Requisiti Partecipazione imprese
Possono partecipare al Progetto: Imprese, Consorzi, Cooperative; Imprese individuali, Società di persone, Società di capitali, Società cooperative, Consorzi fra imprese, Società consortili, Studi associati, Studi Professionali, Fondazioni e Associazioni, che abbiano sede legale e/o operativa in una delle Province di Salerno, Caserta, Avellino e Benevento e che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in regola con l’applicazione del CCNL, con il versamento degli obblighi contributivi ed assicurativi, con la normativa in materia di sicurezza del lavoro, con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, oltre che con il rispetto di tutte le normative in materia di lavoro in genere;
  • non aver effettuato, nei 12 mesi precedenti alla data di presentazione della domanda, licenziamenti e/o apertura di C.I.G.S. di dipendenti di professionalità identiche a quelle degli aspiranti tirocinanti o dei disoccupati da assumere né di effettuarne per il periodo di svolgimento del tirocinio;
  • non aver in corso o aver attivato, nei 12 mesi precedenti la data di presentazione della domanda, procedure concorsuali.

Le imprese aderenti, inoltre, devono dichiarare:

di escludere dalla partecipazione ai tirocini parenti ed affini entro il secondo grado dell’imprenditore o dei soci e/o degli amministratori;

  • che non sussistono nei propri confronti cause di divieto, decadenza o sospensione di cui all’art.10 della Legge n. 575/1965 e successive modificazioni, (in caso di società, la condizione deve riguardare tutti i soggetti di cui al D.P.R. 252/1998 art. 2);
  • di non essere sottoposto/a ad alcuna misura di prevenzione e di non essere a conoscenza dell’esistenza, a proprio carico, di procedimenti in corso ai sensi della succitata legge;
  • che non sussistono le cause di esclusione di cui all’art. 1 bis comma 14 della Legge 18/10/2001 n°383 e di non essere destinatario di sanzioni interdittive di cui al D.Lgs. n° 231/2001 o di altre sanzioni interdittive limitative, in via temporanea o permanente, della capacità di contrattare con la pubblica amministrazione.
SCARICA BANDO